Skip to content

Libri Best Seller Carrefour

Tutti si aspettano di avere i soldi per comprare ciò che vogliono, ma si scopre che l’istante non è sempre compatibile con le esigenze dell’utente. Se avete i soldi per comprare libri best seller, considerate tutti gli aspetti necessari per evitare di tornare indietro sull’acquisto fatto.

Recensioni degli acquirenti:

Appena finito di leggere. E Ove mi manca già

Questo libro secondo me è una perla rara. Si legge molto bene, la scrittura è fluida e l'alternarsi di presente e passato non fa che aumentare l'affetto verso tutti i personaggi. Tra tutti Ove, l'uomo che metteva in ordine il mondo e Sonia, la sua adorabile compagna. Si piange e si ride contemporaneamente ma soprattutto viene la voglia di credere che la vita alla fine non è così brutta come sembra e che l'integrità morale e soprattutto i sani principi possono salvarci tutti. E ti viene la voglia di incontrare un Ove e abbracciarlo forte. Bello davvero. Lo consiglio. Leggetelo e fatelo leggere: è una flebo di semplici e sani sentimenti che fanno bene a tutti.

Bellissimo!

Il libro parte in maniera un po' brusca: un uomo difficile, un po' depresso, alla ricerca del metodo migliore per mettere fine alla propria vita. Mano a mano che scorrono le pagine, la storia assume una dolcezza ed una profondità che non mi aspettavo. Molto bello anche l'alternarsi di capitoli che raccontano il passato di Ove: attraverso di essi si vede crescere il personaggio e lo si comprende meglio. Quello che all'inizio pensavo fosse un omone un po' schivo e poco sentimentale, si rivela essere un vero uomo di altri tempi, con tutte le contraddizioni, la sensibilità e la rigidità tipica dei nostri nonni e dei nostri papà! "cazzarola", dovete leggerlo!

Straconsigliato!

Un libro emozionante, commovente fino alle lacrime ma anche divertente, profondo, scorrevole... Il lutto affrontato da un uomo abituato a alla rigidità di abitudini e regole autoimposte, senza amici, chiuso nel suo mondo dove tutto è logico, giusto... dove c'è solo Lei di cui ha bisogno... ma lei ora non c'è più e Ove improvvisamente scopre che il mondo è cambiato.. e le sue regole, abitudini, certezze vengono sconvolte da nuove persone che, non invitate, sembrano voler per forza invadere la sua vita... E' un libro bellissimo, non resterete delusi

Una perla

Ove ha 59 anni, guida una Saab, odia i cani, i gatti e tutti i vicini ce l’hanno con lui. Per tutta la sua esistenza ha amato una sola donna, una sola macchina e le sue regole; ora ha deciso di farla finita, ma “l’irruzione “ di una nuova famiglia nel suo quartiere, cambia la sua disposizione del mondo. Un romanzo che insegna ad amare se stessi e gli altri, da leggere assolutamente. Cit: “Gli uomini sono quello che sono non per quello che dicono, ma per quello che fanno”.

Da leggere

Bello,bello,bello. Il protagonista è un personaggio burbero, ostile,asociale, fuori dagli schemi. Dopo la morte della moglie,l'unica che lo abbia mai capito fino in fondo, pensa di non aver più niente da fare su questa terra e medita il suicidio. Più e più volte ci proverà,ma qualcosa andrà sempre immancabilmente storto e il suo piano continuamente rimandato. La vita ha in serbo per lui ancora tante sorprese. Scrittura semplice, lineare, una lettura davvero piacevole e alla fine commovente. Leggendo le ultime pagine mi sono trovata a piangere. Straconsigliato.
Il passato è una terra straniera
  • Carofiglio, Gianrico (Author)
Recensioni degli acquirenti:

Bello

Per lo scorso Natale ho preparato personalmente il calendario dell'avvento per mia figlia e mio marito. Ho quindi preso 24 regalini ciascuno in base ai loro gusti, li ho messi nei sacchettini con i numeri (2 set che ho preso sempre da Amazon) e sistemati in 2 scatolone di cartone decorate. E' stato un lavoro lungo: pensare ai regalini senza spendere una follia, programmare i vari giorni per dare regali simili ai due destinatari... ma è stato anche divertente e molto molto soddisfacente: vedere le loro facce giorno dopo giorno all'apertura dei sacchetti. Ho preso due libri di Carofiglio uno per mia figlia e uno per mio marito. Mi piace un sacco come scrive e non ho perso occasione per regalarli (così li leggo poi anch'io!) E' piaciuto molto.

Ricerca di un contatto

I libri di Gianrico Carofiglio sono una eccellenza senza alcuna ombra di dubbio. I dubbi, per converso li nutro nei confronti di Amazon che esercita un inaccettabile strapotere senza fornire peraltro neppure la possibilità di contatto al cliente che voglia lamentarsi, legittimamente, delle irregolarità in parola. Se qualcuno di Amazon mi stà leggendo è invitato a contattarmi per i dettagli della mia lamentela che, ovviamente, mi terrà lontano da ulteriori acquisti su Amazon fino a quando non si sarà ripristinato il rapporto di necessaria correttezza. Grazie.

Giudizio positivo, consigliato

Giorgio si può definire un bravo ragazzo, quello che tutti i genitori vorrebbero avere. Poi incontra Francesco, che diventerà il suo migliore amico ma che rischierà pure di farlo finire in un abisso senza fine. La storia mi è piaciuta, si legge bene ed in poco tempo, apprezzo sempre la divisione in capitoli brevi. Ad un certo punto comincia anche una sotto trama, che all'inizio non si capisce bene cosa possa avere in comune con la storia principale, ma alla fine si spiega tutto. Giudizio positivo, consigliato.

Fortemente consigliato

Un libro con scrittura gradevole, scorrevole e ben organizzato, con capitoli brevi e narrazione incalzante. Mi sembra un libro molto "maschile", infatti descrive benissimo le difficoltà e la possibilità di sbandamento di un giovane che si affaccia all'età adulta, pur avendo avuto una educazione borghese. Con ciò non voglio assolutamente dire che sia un libro maschilista, bensì un romanzo in cui un uomo ci si ritrova e può meglio immedesimarsi. Molto bello!

Racconto eccezionale

Mi è piaciuto moltissimo, la storia è appassionante, la scrittura perfetta, il protagonista rappresenta bene l'ombra, le incertezze le fragilità, i desideri, la confusione della giovinezza e non solo. Carofiglio ha un modo di raccontare e di scrivere garbato ed essenziale, sa toccarti e ciascuno può ritrovarsi nei suoi personaggi, nei dubbi e nelle certezze delle nostre vite. Lo consiglio.
Recensioni degli acquirenti:

Un libro intenso e avvincente pur senza essere un giallo

Con questo autore ho da sempre un rapporto controverso. Da un lato, mi piace quasi sempre come scrive per lo stile narrativo elegante, ricercato, mai pomposo, comunque scorrevole che lo contraddistingue. Dall’altro, alcuni suoi libri li ho trovati molto belli (su tutti ‘Il passato è una terra straniera’, ma anche quelli della fortunata serie dedicata all’avvocato Guerrieri mi sono piaciuti tutti), altri decisamente fuori fuoco, sbagliatissimi a mio parere. D’altronde, anche l’uomo Gianrico Carofiglio è persona che ho avuto modo di incontrare più volte e in ambiti opposti fra di loro (da presentazioni davvero ristrette, come quella volta al circolo di lettura della Giulio Perrone editore, a contesti ben più ampi, tipo all’Auditorium di Roma durante l’annuale festival dedicato ai libri), trovandolo talvolta affascinante, divertente, piacevole e altre spocchioso, ai limiti dell’antipatico. Credo dipenda da questa sua ‘duplicità’ (ai miei occhi, ovvio) la ragione per la quale, in fondo, continuo a dargli sempre una chance. Come appunto ho fatto anche questa volta, uscendone devo dire molto soddisfatta, perché questo romanzo mi è piaciuto proprio. La trama è semplice: Antonio è un ragazzo affetto da una forma di epilessia idiopatica. Le cure all’estero e la richiesta, da parte del professore che lo ha in cura, di sottoporlo ad una ‘prova da scatenamento’(oggi vietata e sconsigliata negli ambienti clinici) che costringe lui e suo padre a non dormire per due giorni e due notti di seguito. Sullo sfondo di queste incredibili 48 ore, la città di Marsiglia, bellissima e ‘doppia’ anche lei, divisa fra luoghi di una bellezza luminosa come la zona delle Calanques e delle sue calette dall’acqua cristallina ‘più bella che in Corsica’ - come tengono a precisare alcuni marsigliesi incontrati da Antonio e suo padre nel corso del loro girovagare per non addormentarsi - e le scure aree del Vieux Port o del quadrante del Panier che ‘non è pericoloso come raccontano, ma un po’ d’attenzione non guasta’, soprattutto di notte. Il pretesto è perfetto per far incontrare davvero, in fondo per la prima volta, questo padre e questo figlio poco più che adolescente che, sino a quel momento, non si erano mai veramente parlati, ‘annusati’, confrontati, conosciuti. E i dialoghi fra loro due sono bellissimi, raccontati in prima persona da un Antonio più adulto rispetto a quando intraprese questo viaggio con suo padre. Nel testo ci sono anche diverse citazioni e alcune mi sono ovviamente rimaste impresse più di altre, come quella che dà il titolo al libro ‘Nella vera notte buia dell’anima sono sempre le tre del mattino’ (da Handle with care, di Francis Scott Fitzgerald) o l’altra, bellissima, che tira un po’ le somme di tutto questo percorso breve, ma molto intenso, vissuto da Antonio e suo padre ‘Se la gente crede che la matematica non sia semplice, è soltanto perché non si rende conto di quanto complicata sia la vita’ (cit. del matematico John von Neumann). Trovo che in questa narrazione di Carofiglio ci sia una vena di rimpianto, nostalgia, malinconia che ben si sposa con l’ambientazione da lui scelta per raccontarci questa storia. Insomma, a conti fatti: un libro del quale personalmente mi sento di consigliare la lettura.

Un padre, un figlio e due notti a Marsiglia.

Un figlio diciottenne alle soglie dell’Università, con problemi di salute e un padre docente di matematica, separato, tutto preso dall’insegnamento, partono per Marsiglia, dove un illustre clinico dovrà chiarire e risolvere i problemi del figlio. Ed a Marsiglia sono costretti, prima di avere una diagnosi definitiva, a passare due giorni e due notti insieme, sempre svegli per la terapia imposta dal famoso luminare al figlio. I due, come tanti figli e tanti padri, non hanno mai avuto momenti di confidenza, chiusi in sè stessi, con una incomunicabilità tipica in tante famiglie, che non riescono a comprendere i problemi reciproci e vivono in una routine stanca, fatta di abitudini e di silenzi. Ma i due, soli, a tu per tu, sembrano sciogliersi, tentano di capirsi, vivono esperienze nuove che in ambito familiare sembrava quasi impossibile vivere. Visitano Marsiglia, si perdono in ristorantini del centro, si scambiano opinioni, desiderano quasi come una necessità impellente recuperare il tempo perduto e farsi confidenze mai fatte ed inaspettate. E le notti (due sole) sono tutte per loro. Nella prima finiscono in un locale della periferia dove è in corso una jam sessioni di jazz : il padre, che sembra ringiovanito, si esibisce in un assolo di pianoforte tra gli applausi e lo stupore del figlio. Nella seconda, dopo una giornata al mare, finiscono in un party, dove il figlio prova una nuova esperienza e rinsalda un rapporto con il padre che sembrava perduto da anni. Alla fine, dopo il responso medico, i due rientrano a casa, in Italia: il muro tra i due sembra abbattuto, l’avvenire forse sarà più roseo. Gianrico Carofiglio affronta il complesso e difficile rapporto tra padri e figli con una vena malinconica, intrisa di nostalgia , e con la consapevolezza che il destino è sempre in agguato. In una citazione dell’ultimo capitolo, c’è tutto il succo del romanzo: chi sostiene che la matematica non è semplice, non si rende conto di quanto sia complicata la vita.

Romanzo struggente

Il ritrovarsi fra padre e figlio è il riassunto di questa storia. Una trama semplice che come un terreno fertile fa nascere tante situazioni che, vissute intensamente, faranno sciogliere la incomunicabilità del loro rapporto. Due soli protagonisti che dialogano senza sovrapporsi. Mi sono continuamente e piacevolmente immedesimato ora sia nel padre che nel figlio. Era da tempo che non leggevo un così bel romanzo.

Quasi perfetto

Un meraviglioso libro da leggere tutto d'un fiato. Padre cinquantenne e figlio diciottenne, forzati a stare per due giorni insieme in una città straniera, imparano a conoscersi senza sbagliare un colpo, con grande intelligenza, rispetto della personalità dell'altro e, infine, affetto. L'unica piccola imperfezione, a mio avviso, è la visita al pornoshop. Perchè? Non l'ho capito. Anche perchè, mentre tutto il libro è estremamente realistico, questo episodio è fuori registro, appiccicato, estraneo. Ma, ovviamente, è solo una mia idea. Comunque non vale ad inficiare le cinque stelle. Ne avrebbe meritate otto.

Magistrale

Carofiglio è sempre una garanzia. Un romanzo di formazione, condensato in due sole notti. Tocca tanti temi diversi: il passare del tempo; il passaggio dall'adolescenza all'età adulta; la comprensione del fatto che i propri genitori sono persone, altre rispetto al ruolo genitoriale; la malattia; la scoperta dell'amore... il tutto magistralmente presentato tra citazioni, pensieri profondi e un punto di vista genuino, tipico dell'adolescenza.
Risparmia il 5% oggi
La ragazza della neve
  • Jenoff, Pam (Author)
Recensioni degli acquirenti:

Una lettura piacevole, ma...

Recensire un libro è decisamente complicato. Chiunque legga un libro cerca qualcosa che lo attragga dal primo momento (come ad esempio la tipologia di storia, il genere, il modo di scrivere di uno scrittore conosciuto, ecc ecc...) rispetto ad un altro libro. Per questi motivi un libro può piacere oppure no, rispetto all'opinione che può avere un'altra persona per la stessa opera. Senza ombra di dubbio, la "bellezza" di un libro è estremamente soggettiva.Nella recensione che segue, cercherò di essere il più dettagliato possibile (senza spoilerare niente della storia) in merito alle sensazioni che questo libro mi ha donato, sperando che il mio giudizio possa essere utile a chiunque sia interessato all'acquisto di questo libro.Prima di acquistare questo libro non conoscevo l'autrice e considerando le recensioni e il prezzo ho deciso di acquistarlo e devo dire che sono rimasto sinceramente sorpreso. Il romanzo è composto da poco meno di 350 pagine e la lettura è piacevole e decisamente scorrevole. La trama è interessante ed è abbastanza differente dai "soliti" libri che trattano il periodo orribile dell'Olocausto. Seppur l'ambientazione sia differente dai campi di concentramento resta in ogni caso un libro abbastanza duro e crudo. Nel complesso è stata una lettura piacevole, considerando l'argomento trattato, e mi sento di consigliarne la lettura a chiunque sia interessato.In conclusione mi sento di dare 4 stelle a questo libro, perché, per un motivo o per un altro, non mi ha colpito fino in fondo a tal punto da assegnare il massimo. Ovviamente si tratta di opinioni estremamente personali e dettate dalle miei impressioni e dalle mie emozioni. Sicuramente ci saranno lettori che la penseranno in maniera diversa, ma spero che la mia opinione possa essere d'aiuto a chiunque sia indeciso se acquistare e leggere questo libro oppure no.

Il miglior romanzo da tanto tempo..

Meraviglioso! L'ho letto insieme ad un altro romanzo ambientato nella Germania della seconda guerra mondiale,dove però il punto di vista era l'altro,quello dei nazisti.Si riesce a provare vero odio nei loro confronti..e incredulità per i motivi futili per la quale venivano arrestate le persone..come può essere il siparietto di un clown,visto addirittura come alto tradimento. L'autrice riesce a far entrare dentro il libro,dentro la storia,riesce a far provare pena e rabbia,tristezza e paura. Ogni cosa, dall'ambiente circense ai sentimenti dei personaggi, è descritto quasi alla perfezione, tant'è che leggendo si riesce quasi a vederli tutti. Solitamente c'è sempre qualcosa di un libro che comunque cambierei, questo fa l'eccezione. Inoltre scritto magistralmente. Geniale la doppia narrazione Astrid/Noa, è una cosa che apprezzo sempre e da più sfumatura ad un'unica storia.

Gran libro

Ho iniziato la lettura di questo romanzo dubbiosa:l'incipit mi lasciava perplessa. Ma la narrazione si è fatta incalzante, I personaggi precisi, vivi, l'introspezione profonda. C'ero anch'io in quella tragedia immane e pure quotidiana, in quella sofferenza di persone 'poco importanti', tra quei neonati abbandonati in un carro merci nel gelo. Ho vissuto ogni singolo istante con una pena - ben nota- e, nonostante questo, agghiacciante che mi stringeva in un dolore profondo. Non posso parlare di questo o di quell'episodio, di questo o di quella donna o uomo, ragazzo o ragazza o bambino. Tutti eroi di una storia spietata ed insieme banale anche nella morte. Non dimenticherò facilmente questo libro come porto in me i molti altri che raccontano storie come queste, centinaia, migliaia. Che siano di monito per il genere umano non riesco più a crederlo, storie di tanti e pretestuoso alibi per politici di ogni colore. Ma questo è un bel libro :ignorate i refusi e... leggetelo

Noa e Astrid e la loro amicizia sul trapezio in tempo di guerra

Chi sarà l'anziana signora che scappa dalla casa di riposo per andare a vedere a Parigi la mostra "Deux Cents ans de Magie du Cirque"? Sarà Noa o sarà Astrid? Siamo nella Germania del 1944, stremata da una guerra che ha distrutto case e comunità e viviamo le storie di una sedicenne olandese, Noa, che viene scacciata da suo padre perché in grembo porta il figlio di un tedesco e di Astrid, ripudiata dal marito tedesco perché ebrea. Per entrambe la salvezza è il circo di Herr Neuhoff. E' la storia di una grande amicizia 'volante' nel variegato mondo circense, fatta anche di diffidenza e di paura, vissuta con coraggio e condivisione, pagina dopo pagina, fino all'epilogo che mette a posto ogni discorso lasciato in sospeso, in uno dei periodi più bui dell'umanità. Scritto molto bene, un bel romanzo davvero.

Darei un 7+

... o 3,5 stelle di gradimento. Non è facile scrivere un romanzo sul periodo delle persecuzioni naziste, anche se ispirato a storie che hanno qualcosa di vero. Trovo che sul tema tutto ciò che non è "testimonianza", di solito è deludente. Questo romanzo, invece, non è male. Non pretende di parlare della Shoah, ma racconta una storia, descrive personaggi che intrecciano i loro destini. Insomma, è un romanzo e non pretende di passare per storia vera. L'ho letto volentieri.
Risparmia il 5% oggi
Le bambine non esistono
  • Manoori, Ukmina (Author)
Recensioni degli acquirenti:

Bellissimo e necessario

I modi in cui le donne vengono private della libertà sono veramente infiniti. Ho letto il libro con un nodo in gola, per l'enorme sforzo che deve aver richiesto mantenere un equilibrio nella sua condizione. Con tutto il suo dolore e le privazioni che ha vissuto, lei si è pagata la sua libertà. Ma, per contrasto, proprio per la caparbietà con cui Ukmina rifiuta di tornare a essere donna, nonostante le rinunce a cui va incontro, si capisce quanto deve essere terribile la prigionia a vita delle donne afgane. Un libro che fa mancare il respiro, ma lascia la speranza che anche grazie a donne coraggiose come Ukmina le cose potranno cambiare.

Incredibile e utilissimo ...

La differenza tra la vita e la libertà concessa agli uomini e quella riservata alle donne è il perno intorno al quale gira la storia di Ukmina, nata donna ma cresciuta come Hukomkhan, prima per scelta del padre e poi per sua fortissima determinazione.Nel racconto si riescono a cogliere alcuni aspetti della cultura Afghana, paese passato in pochi decenni attraverso una guerra di resistenza contro l'invasione sovietica, una guerra civile tra fazioni religiose, il dominio talebano, la guerra americana di 'liberazione' e infine il ritorno al regime talebano.Lettura fondamentale per capire il legame tra educazione e diritti delle donne, proprio nei giorni in cui si susseguono, nell'indifferenza generale, le notizie e le smentite circa la chiusura delle scuole femminili da parte delle istituzioni talebane.Irrinunciabile !

Molto bello

Questo libro racconta la storia di una bambina che, inizialmente costretta a vivere da uomo per scelta della sua famiglia, sceglie di continuare a vivere e comportarsi come un uomo nonostante le difficoltà e gli ostacoli, tutto per poter mantenere la "libertà" che aveva sperimentato fin dall'infanzia... Questo libro fa molto riflettere sulla condizione delle donne in Afganistan in passato e, a maggior ragione, in questo momento storico.

La triste permanente condizione femminile

Le bambine non esistono racchiude in sé un concetto profondissimo e ancora attuale, purtroppo:la discriminazione femminile. È la storia vera di Ukmina, la protagonista che, insieme alla nonna, altra rappresentante del suo tempo, attraversano con dolore la cruda realtà afgana. Qui diventa normale traverstirsi da uomo, per poter avere "visibilità"! Un libro toccante, che scava nell'animo umano. L'uomo (in questo caso la donna), reagisce a condizioni estreme, inimmaginabili, per la propria dignità . Potente e tristissimo. Ukmina, forte e coraggiosa, nonostante tutto, alla fine, dichiara la sua solitudine. Il riconoscimento sociale è fondamentale!

Straordinario

Straordinaria storia vera, mostra una realtà sconosciuta, una bambina il cui padre decreta alla nascita debba essere maschio, come a volte si usa in Afghanistan, ma che alla pubertà deve tornare femmina e chiudersi in casa o uscire accompagnata, che si ribella e vuole restare uomo.....

Tipi di libri best seller

Ogni cliente ha gusti diversi e, di conseguenza, ci sono diversi tipi di libri best seller che rendono quasi impossibile compilare un elenco. Tuttavia, abbiamo raccolto una serie di quelli considerati i migliori e, dopo un po’ di ricerche, potrete conoscere gli altri.

Prezzi di libri best seller

È abbastanza comune che, a seconda di ogni modello e marca, i prezzi delle libri best seller varino notevolmente. L’idea dei produttori è quella di fornire ai clienti prodotti a diversi livelli di prezzo che soddisfino le loro esigenze e la cui qualità sia sempre evidente.

Non sai cosa comprare libri best seller

Il nostro intento è quello di guidarvi a risolvere i vostri problemi. Questo è il motivo per cui mostriamo le migliori copie di libri best seller, condensando i risultati in modo che possiate vedere quelle che sono meglio posizionate secondo i nostri criteri.

Perché acquistare libri best seller online

Lo shopping online è un miglioramento rispetto ai negozi fisici di un tempo, dove si spendeva abbastanza tempo e magari si doveva dedicare ad altre cose. Perché comprare libri best seller online? Potete fare i vostri compiti mentre ordinate e aspettare qualche giorno per l’arrivo del vostro ordine.

Vantaggi dell’acquisto di libri best seller

I vantaggi dell’acquisto di libri best seller sono numerosi, soprattutto se avete bisogno di semplificare la vostra vita o di ottimizzare il vostro tempo e il vostro spazio.

Utilità di libri best seller

L’utilità è uno dei motivi principali per cui le persone acquistano gli oggetti, non per tenerli in un angolo da qualche parte. Tuttavia, ci sono prodotti che sono più utili di altri, e l’utilità di libri best seller è reale così come la sua durata, in modo che possa durare a lungo.

Quando comprare libri best seller

Avete il denaro, la certezza e conoscete tutti i criteri per effettuare l’acquisto, il che significa che non ci sono scuse per iniziare un rapporto commerciale con noi. È importante studiare tutti gli aspetti dell’acquisto di libri best seller, per evitare di pentirsi dell’acquisto che si fa..

Soluzioni fornite da libri best seller

Niente genera maggiore soddisfazione dell’acquisto di un prodotto che offre comfort e ottimizzazione del tempo. Queste sono solo due delle soluzioni offerte dall’acquisto di libri best seller, e se volete godere di questa esperienza e di altri vantaggi aggiuntivi, sapete esattamente cosa fare.

Vantaggi dell’acquisto di libri best seller online

Gli utenti sono diventati sempre più assidui nello shopping online, perché in pratica non devono lasciare il proprio posto quando fanno acquisti e possono concentrarsi su altre attività. Lo shopping online, soprattutto se si sceglie una libri best seller, ha così tanti vantaggi che probabilmente diventerà il vostro modo preferito di fare acquisti.

Altri acquirenti hanno cercato anche questi prodotti: